Ricetta del Rombo chiodato dell’Adriatico al forno con patate, pomodorini e olive, specialità romagnola di pesce


Il periodo tra la fine di Febbraio e l’inizio della Primavera è perfetto per gli amanti del rombo, un pesce molto comune in questa stagione, apprezzato per le sue carni morbide e delicate.

È molto apprezzato anche in Romagna: in particolare il rombo chiodato è protagonista di una gustosa ricetta con patate, pomodorini e olive, un piatto tradizionale del litorale romagnolo.

rombo-delladriatico-al-forno

Ecco le istruzioni per preparare il Rombo chiodato dell’Adriatico al forno con patate, pomodorini e olive.

Ingredienti (per 2 persone)

  • 1 rombo chiodato di circa 1 kg
  • 2 patate
  • 200 gr. di pomodorini
  • 100 gr. di olive
  • 1 spicchio d’aglio
  • Basilico
  • Prezzemolo
  • 50 ml. di olio
  • Sale
  • Pepe
  • Un bicchiere di vino bianco secco

Preparazione

Si inizia pulendo il rombo, rimuovendo le interiora e le branchie, ma non bisogna spellarlo. Finita la pulizia si dispone il rombo in una teglia irrorata con olio d’oliva, sale e pepe in ambedue le parti, e si inserisce al suo interno anche 2 foglie di basilico e uno spicchio d’aglio.

Si passa quindi alla preparazione delle patate, da tagliare a rondelle da 1 cm; aggiungerle nella teglia insieme ai pomodorini tagliati a metà e le olive. Si può procedere con la cottura, infornando a 180°. Dopo 10 minuti bagnare il rombo con vino bianco; dopo che sarà evaporato aggiungere 2 mestoli di brodo di pesce, bagnandolo periodicamente per evitare che si asciughi. In totale la cottura dura 40 minuti. A fine cottura servire con prezzemolo tritato.

Annunci

Ricetta Vov alla romagnola, liquore tipico del Natale


vovTipico delle festività natalizie, il Vov è un ottimo liquore da fine pasto, la giusta conclusione di un pasto da grandi occasioni. Servito in piccoli bicchieri, il Vov è perfetto anche per riscaldarsi nelle giornate fredde dell’inverno grazie all’alcool e al grande apporto calorico.

In questo articolo vi spieghiamo come farlo con la ricetta in versione romagnola, un must per le feste natalizie anche in questo territorio.

Ingredienti

1.5 L di latte
450 g di zucchero
2 stecche di vaniglia
8 tuorli d’uovo
220 g di alcool puro
270 g di marsala all’uovo (non secco).

Preparazione

Iniziare la preparazione facendo bollire il latte con lo zucchero e le stecche di vaniglia per 45 minuti. Nel frattempo unire a parte alcool e marsala; incorporare lentamente con i tuorli d’uovo e poi mescolare energicamente.

A questo punto versare il composto alcolico nel latte solo quando sarà completamente freddo. Mescolare e filtrare il composto con un filtro fine. Si può gustare freddo o a temperature ambiente ed è consigliabile agitarlo prima di servirlo.

Ricetta del Ragù alla Romagnola


Il ragù è un caposaldo della cucina italiana, uno dei condimenti preferiti per la pasta molto noto anche all’estero, dove spesso viene imitato. In questo articolo vogliamo proporvi la ricetta della variante romagnola, simile a quella classica bolognese.

ragu-romagnolo

Il ragù alla romagnola è un ottimo accompagnato per la pasta, ma anche la polenta e o tipici strozzapreti romagnoli; a base principalmente di carne, questa ricetta può essere ingolosita con l’aggiunta di salsiccia, che dona al ragù un sapore ancora più deciso.

Ecco quindi la ricetta del ragù alla romagnola!

INGREDIENTI

  • di carne magra macinata
  • 2 bottiglie di passata di pomodoro da 700 grammi
  • 1 fetta di lardo macinata
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 2 coste di sedano
  • mezzo bicchiere d’olio
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • sale e pepe

PREPARAZIONE

Per preparare il ragù alla romagnola si inizia pulendo sedano, cipolla e carote, riducendo questi ingredienti in dadi fini per il soffritto. In una casseruola versare l’olio e il lardo macinato; appena inizia a sfrigolare aggiungere le verdure, lasciandole appassire per qualche minuto.

Quando le verdure avranno soffritto aggiungere la carne poco alla volta, avendo cura di sgranarla mentre la si versa. Mescolare bene e portare a completa rosolatura. In seguito aggiungere il vino rosso e lasciarlo evaporare tutto; appena fatto condire con sale e pepe, versando poi la passata di pomodoro.

A questo punto è necessario cuocere lentamente: abbassate la fiamma al minino, coprite per ¾ la pentola e lasciar cuocere per due ore, avendo cura che il ragù non si asciughi troppo. In caso aggiungere un po’ d’acqua calda.

Ricetta seppie con i piselli alla romagnola


seppie-piselli

Molto diffuso in Romagna, la seppia con i piselli è un piatto molto amato da chi apprezza la cucina di mare, ottimo come secondo in ogni occasione.

Il periodo giusto per prepararlo è la primavera, ma anche un piatto ottimo anche in estate, stagione nella quale la pesca è al suo apice. La preparazione è semplice e bastano pochi ingredienti per portare a tavola un piatto di mare gustoso e saporito.

Ecco la ricetta per preparare le seppie con i piselli alla romagnola:

Ingredienti per 4 persone

  • 1,2 kg di seppie
  • 50 gr di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio di aglio pestato fine
  • prezzemolo
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • ½ bicchiere di acqua
  • 500 gr di piselli freschi di media grandezza (o in scatola)
  • 2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro
  • pepe e un pizzico di sale

Preparazione

Lavare e pelare le seppie togliendo osso, occhi e becco e in seguito tagliarle a listarelle. Preparare il soffritto con olio e aglio, quindi aggiungere il prezzemolo. In seguito versare le seppie con sale e pepe, cuocendo a fuoco lento fino a far asciugare l’acqua.

A questo punto aggiungere il vino bianco finché non evapora e in seguito aggiungere acqua e concentrato di pomodoro. Ora bisogna far cuocere il tutto per un’ora con il coperchio, assaggiando le seppie per valutare il punto di cottura e portare in ebollizione. In questa fase si possono aggiungere i piselli e continuare con la bollitura per 30 minuti a fuoco lento (se i piselli sono in scatola bastano 7/8 minuti). Continuare a cuocere fino a cottura terminata.

Ricetta della ciambella romagnola: dolce rustico ma gustoso


In questo articolo vogliamo proporvi la ricetta della ciambella romagnola, un dolce semplice ma gustoso, tradizionale e molto famoso in Romagna. È un dolce per tutte le stagioni ma che trova una collocazione perfetta durante il periodo pasquale, magari affiancata alla pagnotta pasquale, altra ricetta tradizionale che potete scoprire in questo articolo.

ciambella-romagnola

La ciambella romagnola è un dolce perfetto per ogni occasione, da accompagnare con un vini dolci bianchi o rossi. È facile trovarla nelle numerose sagre romagnole, come le feste per San Giuseppe che si terranno a breve ma anche altri eventi che si tengono in Romagna.

Se volete prepararla anche voi, ecco la ricetta della vera ciambella romagnola; se invece volete la versione senza glutine vi consigliamo di leggere questo articolo.

Ingredienti

400 grammi di farina
200 grammi di zucchero
3 uova
100 grammi di burro
1 bustina di lievito
La scorza di un limone grattugiata
Mezzo bicchiere di latte
Zuccherini bianchi o colorati

Procedimento

Per preparare la ciambella romagnola è sufficiente impastare insieme tutti gli ingredienti elencati, creando un composto omogeneo. In seguito versare l’impasto in 2 teglie da forno creando 2 filoni alti 3 centimetri, cospargendoli di zuccherini. Cuocere per 20/30 minuti a 180°, finché la superficie non diventerà dorata.

Frittelle di riso romagnole: dolce tipico del Carnevale


SONY DSC

Si avvicina il Carnevale, festa ricca di divertimento e costumi ma soprattutto tanti ottimi dolci, da gustare e fare una scorpacciata prima dell’arrivo del periodo della Quaresima. Oggi vi proponiamo le frittelle di riso, uno dei dolci tipici del Carnevale della Romagna.

Oltre alle famose castagnole e fiocchetti, i dolci più famosi della Romagna per il Carnevale, le frittelle di riso sono un’ottima scelta se si vuole provare un dolce semplice ma gustoso. Si basa su un’antica ricetta tradizionale che, come molte ricette romagnole, serviva a recuperare gli avanzi per creare un dolce gustoso.

Le frittelle di riso sono, come suggerisce il nome, a base di riso, aggiungendo latte e farina per creare golose frittelle. Ecco la ricetta:

Ingredienti:

  • 200 gr di riso
  • latte
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 goccio di Marsala o grappa
  • zucchero
  • strutto o olio per friggere

Preparazione:

Si inizia cuocendo il riso nel latte zuccherato fino ad ottenere un composto simile ad un risotto; in seguito si possono unire gli altri ingredienti. Successivamente è sufficiente versare il composto a cucchiaiate in una padella con olio o strutto bollenti, finché le frittelle non diventeranno dotare. Scolarle, passarle su carta assorbente per asciugarle dall’olio e spolverare con zucchero.

Ricetta Castagnaccio romagnolo, tipico dolce autunnale a base di castagne


CastagnaccioL’Autunno è una stagione particolare per la gastronomia, periodo che porta con sé sapori nuovi che scaldano e sorprendono, soprattutto dopo il periodo estivo nel quale si cercano sapori freschi e meno saporiti. La Romagna ha un’antica tradizione gastronomica autunnale, anche nei dolci: oggi vi proponiamo la ricetta del Castagnaccio romagnolo.

Si tratta di un dolce di origine povera, tipico soprattutto della zona appenninica tra l’Emilia Romagna e la Toscana e come suggerisce il nome ha come base le castagne, frutto tipico in Autunno. Anticamente era un dolci molto sfruttato dai lavoratori nelle stagioni fredde grazie ai suoi ingredienti molto calorici e facili da reperire.

Ricetta del Castagnaccio romagnolo

Ingredienti per 4 persone:

  • 500g di farina di castagne
  • 750g di acqua
  • 150g di olio extravergine
  • 80g di uvetta sultanina
  • 60g di pinoli
  • un pizzico di sale

Preparazione:

Lasciare in acqua tiepida uvetta e pinoli. In una terrina amalgamare la farina setacciata con l’acqua e il pizzico di sale e mescolare il tutto finchè non scompariranno gli eventuali grumi e in seguito aggiungere l’olio. Ungere con il burro od olio uno stampo e versare il composto, facendo attenzione a non farlo diventare più alto di 2 cm.

Cospargete la torta con uvetta e pinoli, condire con un filo d’olio e informare per 15 minuti a 250°.