Cos’è la Micca Romagnola?


Se dico micca molti di voi penseranno a una versione large della michetta, la tipica rosetta di pane. La nostra azdora Enza invece ci farà scoprire che la micca è anche un dolce di origini povere e contadine, ideato per ottimizzare i pochi ingredienti a disposizione nei casolari in autunno e creare un dolce in grado di addolcire un po’ le sofferenze portate dalla miseria.

I luoghi sono quelli del riminese e dell’entroterra che si estende fino al Monte Titano di San Marino e alle colline circostanti. Enza ci dice che in occasione della vendemmia i contadini selezionavano i grappoli più belli di uva Sangiovese per mangiarli in purezza con un po’ di pane o fare qualche dolcetto. Si appendevano in soffitta, spesso alle travi di legno del solaio, e se la famiglia era parsimoniosa (e non troppo golosa!) potevano arrivare fino a Natale. Continua a leggere

Annunci

Dolcetto o scherzetto? Dolcetto!


Halloween non è affatto una celebrazione tipica dell’europa mediterranea, italiana men che meno. La lunga Notte delle Streghe ha origini anglosassoni e si festeggia principalmente negli Stati Uniti ma anche nel vecchio continente, soprattutto  nell’ultimo decennio, ha trovato una vasta schiera di fan e non solo tra i bambini. La notte che anticipa la Festa d’Ognissanti pullula di feste, celebrazioni per grandi e piccini e anche gli hotel all inclusive della Riviera Romagnola preparano pacchetti ad hoc.

La tradizione vuole che ci si travesta con abiti mostruosi e spaventosi e che si passino in rassegna le case alla ricerca di dolcetti minacciando scherzetti. Guai quindi farsi trovare impreparati e senza una buona scorta di dolci! Continua a leggere

Cosa sono gli strozzapreti?


E’ sicuramente un nome curioso attorno al quale girano numerose spiegazioni etimologiche e leggende. Essendo una pasta tipica romagnola, il collegamento con il sentito anticlericalismo di questa terra viene automatico. La Romagna, infatti, per diversi secoli ha subito la dominazione della Stato Pontificio e non di buon grado. Quindi, quando i preti si sedevano alle tavole delle povere famiglie di contadini è possibile che i mariti si augurassero che si “strozzassero” abbuffandosi con la pasta preparata dalle donne di casa e con quelle poche risorse che erano riusciti a trovare! Continua a leggere

I dieci anni di GiovinBacco. il Sangiovese in festa


GiovinBacco festeggia il decennale e il Sangiovese in Festa fa il pieno di novità. Tra enogastronomia, musica, degustazioni e divertimento, gli organizzatori intendono portare l’Italia a Ravenna e il Sangiovese in giro per l’Italia, ispirandosi ai principi cardine di Slow Food.
Se dal 9 al 11 novembre sarete ospiti degli hotel economici Lido di Classe non potete assolutamente perdervi la tre giorni di festeggiamenti al Pala De Andrè di Ravenna.  Un salto è d’obbligo! Continua a leggere

Cosa sono le Zavardone?


Le Zavardone, in dialetto zavardoni, sono una pasta fresca romagnola tipica di Rimini e soprattutto della cittadina del suo entroterra: Verucchio. Nascono come piatto povero domenicale dei contadini ma è ricco per gusto e sensazioni perché le zavardone sono sincere e schiette proprio come la gente di Romagna. Se siete fortunati potete assaggiarle nei più tradizionali hotel all inclusive riviera romagnola, in tal caso non lasciateveli scappare!
La loro preparazione è veloce e semplice, le zavardone vanno lasciate piuttosto spesse e grossolane, ognuna è diversa dall’altra proprio come i maltagliati, altra pasta tipica romagnola. Continua a leggere

Ricetta del Bustrengo: golosità autunnale


E’ uno dei dolci tipici romagnoli più famosi anche se la sua paternità è rivendicata pure dai marchigiani. Già in passato ci siamo soffermati a parlare di una delle leggende che circolano sul Bustrengo, in dialetto Bustrengh, e della sagra che Borghi gli dedica a magigo. Di ricette ce ne sono tantissime, ogni famiglia tramanda la sua e, al di là degli ingredienti base che sono pangratto, farina gialla e uvetta, ognuno la arricchisce e la profuma a piacimento.

Il bustrengo è un dolce povero ma ricco perché altamente sostanzioso e nutritivo data la grande varietà di ingredienti presenti. Si prepara principalmente nei mesi autunnali e invernali ed è praticamente impossibile resistere al profumo che emana appena sfornato. Continua a leggere

Il Pesce Fa Festa a Cesenatico


E’ la festa del pesce, dei prodotti dell’Adriatico e dell’antica arte della pesca. La sagra gastronomica dell’autunno di Cesenatico è diventata ormai un appuntamento irrinunciabile per i romagnoli e per gli ospiti che, per l’occasione, alloggiano negli alberghi economici Cesenatico.
L’edizione 2012 di “Il pesce fa festa” andrà in scena dall’1 al 4 novembre 2012 nelle piazzette, lungo il Porto Canale leonardesco e nella storica Colonia Agip.
Il protagonista assoluto sarà il pesce, quello pescato dai pescherecci di Cesenatico che rappresentano per la cittadina una grande e importantissima risorsa economica e culturale. Continua a leggere