Cos’è la Micca Romagnola?


Se dico micca molti di voi penseranno a una versione large della michetta, la tipica rosetta di pane. La nostra azdora Enza invece ci farà scoprire che la micca è anche un dolce di origini povere e contadine, ideato per ottimizzare i pochi ingredienti a disposizione nei casolari in autunno e creare un dolce in grado di addolcire un po’ le sofferenze portate dalla miseria.

I luoghi sono quelli del riminese e dell’entroterra che si estende fino al Monte Titano di San Marino e alle colline circostanti. Enza ci dice che in occasione della vendemmia i contadini selezionavano i grappoli più belli di uva Sangiovese per mangiarli in purezza con un po’ di pane o fare qualche dolcetto. Si appendevano in soffitta, spesso alle travi di legno del solaio, e se la famiglia era parsimoniosa (e non troppo golosa!) potevano arrivare fino a Natale.

La Enza ci racconta che le donne di casa accontentavano la golosità di grandi e piccini con la micca romagnola, una sorta di ciambella fatta con farina di polenta, farina di grano e uva nera. Ovviamente non ha dimenticato questa tradizione e puntualmente, in questa stagione, la ripropone per mantenerla viva e oggi la tramanda a noi. E’ un dolce poco zuccherino ma l’uva lo rende davvero gustoso!
MICCA ROMAGNOLA

Ingredienti
250 gr di farina di grano 00
250 gr di farina di polenta
100 gr di burro
200 gr di zucchero
un bicchiere di latte
2 uova
1 busta di lievito
uva fresca nera sangiovese

Procedimento
Unire uova, zucchero, burro ammorbidito e mischiare: aggiungere poi le due farine, il lievito e il latte. L’impasto deve risultare piuttosto sodo, se così non fosse, aggiungere o latte o farina.
Dalla pasta ottenuta si ricavano dei panetti grandi quanto un maritozzo e altrettante palline più piccole. La pallina va stesa come una piadina sottile e arrotolata attorno al panetto precedentemente ricavato. Mentre la sia avvolge, nello spazio tra la piadina di pasta e il panetto vanno inseriti man mano i chicchi d’uva. Alla fine, aggiungere altri chicchi in superficie cercando di spingerli un po’ con il dito. A questo punto la micca è pronta, basta infornarla a 180° e farla cuocere per almeno 45 minuti o finchè non risulta bella dorata.

Annunci

3 pensieri su “Cos’è la Micca Romagnola?

  1. Davvero goloso non lo conoscevo e poi anche i miei figli si sono appassionati a questa storia, grazie Enza!
    una cosa: posso aggiungerci anche le noci?
    Un saluto a tutta la redazione
    Cristina

  2. saravu ha detto:

    Il bello delle ricette è la personalizzazione quindi vai pure, noci approvate! Poi però vogliamo avere un tuo parere sulla ricetta!

  3. Maria Pia ha detto:

    Proverò la Micca che mi ricorda quando ero bambina mi piaceva molto. Grazie x la ricetta che metterò in pratica domani .
    Ciao Enza. Maria Pia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...