Dolci di Natale: il Miacetto di Cattolica


E’ un dolce dalle antiche origini, il buon Miacetto, dalle contaminazioni arabe come fanno credere i suoi ingredienti. Molto popolare a Cattolica dove pare sia nato nel ‘400 quando in questa deliziosa località sull’Adriatico si erano stabilite delle famiglie provenienti dall’Istria, da Venezia e da Caorle.

E’ un dolce sostanzioso che racchiude sapori e profumi intesi. La sua preparazione varia da famiglia a famiglia quella che proponiamo di seguito appartiene alla Signora che ha vinto il concorso indetto dal Comune di Cattolica.

Riempire un recipinte dalle dimensioni piuttosto grandi con un litro di vino dolce. In questo recipiente andranno aggiunte madorle e noci tritate, uva passa e mele (200 gr), buccia di 3 arancie e 2 limoni, 1 etto di pinoli, 300 gr di zucchero.

Per la pasta sono necessari 500 gr di semolino (o crusca molto fine), 100 gr di olio d’oliva e a piacere del cacao per rendere la pasta più scura. L’impasto deve risultare molto morbido prima di essere inserito negli stampi. Gli stampi richiedono una preparazione di burro e pane grattugiato alta alemno 2 dita. Gli stampi così composti devono essere scaldati in forno a 180 gradi per circa 50 munuti.

L’impasto del Miacetto una volta preparato e prima di essere infornato deve riposare per 12 ore. Cuocere poi a temperatura media, il Miacetto è pronto quando notate che entrambi i lati sono perfettamente rosolati. Un suggerimento: a fine cottura decorare con dei pinoli la superficie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...